Vini d'eccellenza

Vini d'eccellenza

Prodotti con l'agricoltura ecocompatibile
I nostri vini
Il meglio della Valpolicella

Il meglio della Valpolicella

Tecnologie moderne per un vino di qualità
I nostri vini

La nostra azienda agricola

La famiglia Viviani coltiva dieci ettari di vigneto in località Mazzano nella Valpolicella classica.

L’esposizione dei vigneti (Sud-Sud Est) e la loro altitudine (350-450 m.) garantiscono le migliori condizioni ambientali per la coltura della vite, a queste si aggiungono la posizione ventilata e la bassa umidità che favoriscono l’appassimento delle uve dalle quali si ottengono il Recioto e l’Amarone.


I Viviani si sono proposti di esaltare col loro lavoro le caratteristiche del proprio fondo; anzitutto utilizzando nel vigneto quelle pratiche colturali che permettono alla vite di raggiungere l’equilibrio fondamentale per ottenere uve di qualità.

Ciò ha significato un progressivo abbandono dei prodotti di sintesi (diserbanti, pesticidi e concimi) tanto che oggi l’Azienda Agricola Viviani è in grado di partecipare alla direttiva CEE 2078 per l’agricoltura ecocompatibile.


Inoltre estendendo questa impostazione di fondo alle pratiche di cantina la Famiglia Viviani usa la moderna tecnologia nel rispetto per la materia prima e per la più autentica tradizione regionale.

La nostra azienda agricola
Il territorio della Valpolicella

Il territorio della Valpolicella

La Valpolicella storica o, meglio, Classica, si estende a nord-ovest di Verona come una mano aperta, le cui cinque dita formano quattro valli ben distinte.

Nelle valli si infilano le calde brezze provenienti dal Lago di Garda che incontrano l'aria fresca dei Lessini (catena montuosa che precede le Alpi e protegge a Nord la valle stessa), creando microclimi splendidi per la coltura della vite, del ciliegio e dell'ulivo. Tra l'autunno e l'inverno questo clima mite favorisce inoltre l'appassimento che nei fruttai deve procedere in modo graduale e continuo per dare un Recioto ed un Amarone "di stoffa".

Le piccole valli sono a loro volta dominate dai comuni più importanti. Partendo da oriente abbiamo Negrar, il comune che vanta il maggior numero di cru prestigiosi, posti ad altitudini diverse ed in grado di offrire uno spettro molto ampio di sensazioni: Jago, MAZZANO, Torbe, Villa, Pojega, Cerè, Crosara, Moron e Calcarole.

Più in alto, vicino ai monti Lessini, lungo il limite settentrionale della zona, troviamo Marano e la sua vallata. I cru migliori sono Gaso, Masua, Gnirega e Fasanara. Ad Ovest di Marano troviamo Fumane che può contare su ottime posizioni come S.Urbano, Comunai, Creari, Fieramonte, Valata, Carpanè e Palazzo della Torre.

L'ultima vallata con il comune di Sant'Ambrogio, ha in Gargagnago e La Grola i suoi cru più prestigiosi. Ai piedi di Marano e Fumane troviamo infine San Pietro in Cariano che occupa la parte più pianeggiante della valle e che ha in Bure, Castelrotto, Pedemonte e San Floriano le sue zone migliori.

I terreni su cui la famiglia Viviani coltiva i suoi vigneti si possono considerare di medio impasto con una buona concentrazione calcarea ed una consistente presenza di sassi sotto il primo mezzo metro di terra. Ciò, unito all'inerbimento presente in tutti i vigneti, consente una ottimale distribuzione dell'acqua piovana ed un rapido smaltimento delle acque in eccesso.

I vigneti e la vinificazione

I vigneti hanno un'età compresa tra i 20 e 60 anni, sono coltivati a gyot francese con un numero di gemme che varia dalle sedici alle diciotto. Le uve migliori, vendemmiate manualmente, vengono conservate in apposite casse, chiamate plateaux, che contengono al massimo 4 Kg di uva.

Queste vengono poi depositate in appositi locali chiamati fruttai, dove, in condizioni del tutto naturali inizia l'appassimento (concentrazione delle componenti dell'uva) che si protrae, a seconda dell'andamento stagionale, per 5 mesi circa. Durante questo periodo si eseguono controlli per far sì che tutto proceda nel verso migliore.

Vinificazione dell'Amarone. Una volta che le uve hanno raggiunto la giusta concentrazione vengono pigiate utilizzando una pigiatrice con rulli in gomma in modo che la pigiatura sia la più soffice possibile. Dopo questa operazione, il pigiato entra nei tini di fermentazione (contenitori in cemento vetrificato) dove inizia la macerazione.

La fermentazione inizia generalmente dopo qualche settimana, in maniera del tutto spontanea, quindi senza l'uso di lieviti. La macerazione si protrae quindi per circa una quarantina di giorni durante i quali si eseguono i necessari rimontaggi e follature. Terminata la macerazione si svina l'Amarone che è ancora a questo punto piuttosto dolce, dopo qualche giorno di sosta in contenitori di cemento vetrificato (periodo necessario affinchè il vino depositi le parti più grossolane) il vino entra immediatamente in legno.

Le botti in legno hanno una grande importanza per l'affinamento dei nostri vini, si usano legni di varia provenienza (dalla Slavonia alle foreste francesi) e diverse dimensioni (da 350 a 2000 litri). Dopo circa trentasei-quaranta mesi l'Amarone è pronto per la bottiglia.

I vigneti e la vinificazione
La tecnica del ripasso

La tecnica del ripasso

Vinificazione del Valpolicella Classico Superiore con la Tecnica del Ripasso. 

Dai vigneti dove non si sono selezionate le uve dell'Amarone si vendemmia, sempre manualmente, l'uva che darà il Valpolicella che verrà "ripassato" sulla vinaccia dell'Amarone. Dopo la pigiatura e la diraspatura queste uve vengono messe a macerare nei contenitori in cemento vetrificato per circa 10-12 giorni.

Il vino così ottenuto rimane,sempre nei contenitori di cemento, fino allo svinamento dell'amarone (quindi fine marzo, inizio aprile). A questo punto il Valpolicella ottenuto ad ottobre viene ripassato sulla vinaccia ancora umida (e ancora piuttosto dolce) dell'Amarone.

In questo modo otteniamo un Valpolicella più strutturato, corposo e che conserva nei profumi ed in bocca il sapore dell'appassimento e la bevibilità del Valpolicella. Dopo il ripasso (che dura in genere qualche giorno) il Valpolicella Classico Superiore entra in legno dove si affina per circa 12 mesi.

Vinificazione del Valpolicella Classico. Il Valpolicella Classico è il più immediato e bevibile dei nostri vini, senza voler per questo rinunciare alla piacevolezza che proprio un vino di tutti i giorni deve avere.

Si è pertanto scelto di proporre un Valpolicella Classico di 12 gradi alcool che và in bottiglia dopo aver ultimato la fermentazione mallolattica. Otteniamo così un vino morbido che si adatta bene alla cucina di tutti i giorni.


Venendo da Verona si prende la statale della Valpolicella. In corrispondenza di Arbizzano si seguono le indicazioni per Negrar. Superato Negrar si giunge ad un bivio: si prende la strada a destra per Fane. Mazzano si trova a due chilometri dal bivio, prima di Fane stessa. Al centro di Mazzano, in corrispondenza di una curva sulla destra al temine della salita, parte una stradina sulla sinistra. Al termine della stradina, a circa 100 metri dalla strada principale, troverete la nostra azienda.

Contatti


Copyright 2019 | Azienda Agricola Viviani di Viviani Claudio | P.iva 02025900230 | Privacy Policy | Credits by Web & Media Service
Preferenze sui cookie